Questo sito rilascia cookies tecnici per consentirne il funzionamento, oltre a cookies, anche di terza parte, di 'analytics' per fare statistiche sul traffico ed attivare il miglioramento. Cliccando su "Conferma Scelte", acconsenti all’uso dei cookies qui sotto proposti o da te selezionati. Cliccando su "Accetta tutti i cookies" li abiliti tutti. Per saperne di più

Erasmus+ KA2

ERASMUS+ KA2_MEETING CONCLUSIVO IN TURCHIA

Dal 1 al 5 aprile 2019 si è svolto in Turchia il “Transnational Project Meeting” del Progetto Erasmus+ dal titolo “ Let’s conquer technology for our students”.

I rappresentanti delle scuole coinvolte nel progetto, provenienti da cinque paesi europei ( Italia, Portogallo, Belgio, Romania e Turchia), si sono dati appuntamento a Istanbul presso la scuola Moda Primary School Kadiköy per discutere le fasi conclusive del progetto e gli adempimenti finali prima della chiusura ufficiale.

La scuola secondaria di primo grado dell’Istituto Omnicomprensivo di Guglionesi (CB) ha partecipato con tre docenti del gruppo Erasmus: Pizzi Concettina, Bondanese Maria Rosaria e Pace Fiorella.

Nell’incontro sono state revisionate tutte le attività svolte durante i due anni di progetto ed è stato fatto un bilancio complessivo degli obiettivi prefissati e dei risultati raggiunti.

L’accoglienza, da parte della scuola ospitante, è stata molto calorosa e i partners sono stati cordiali, disponibili e gioiosi di condividere questa esperienza. Questo incontro ha dato l’opportunità di avvicinare la cultura turca e di apprezzarla visitando luoghi importanti del patrimonio storico-culturale come la Basilica di Santa Sofia, la Moschea Blu, il palazzo Topkapi, la Basilica Cisterna e la Torre Galata. Inoltre, è stata offerta la possibilità di una crociera sul Bosforo per ammirare meravigliosi scorci della città e numerosi monumenti: gli splendidi palazzi dei sultani, eleganti moschee, due colossali ponti che collegano la parte europea con quella asiatica e antiche fortezze.

E’ stata anche un’occasione per degustare i piatti della cucina locale e apprezzarne le sue peculiarità. All’interno del gruppo si è instaurato uno spirito collaborativo che ha sicuramente favorito l’aspetto relazionale grazie a un personale docente competente e motivante.

L’esperienza maturata durante la mobilità è stata sicuramente formativa e un’occasione di crescita personale e professionale unica e indimenticabile.

 

 

   Meeting transnazionale Erasmus+ a Guglionesi

Cerimonia di Inagurazione Cerimonia di Inagurazione

Nella settimana dal 16 al 20 aprile dirigenti, docenti e studenti di Licei e scuole superiori della Lituania, Slovenia, Romania, Turchia e Italia si sono incontrati a Guglionesi per lavorare insieme al progetto Erasmus+ “Take Stereotyping Out of Your Lives”.

Questo è il primo dei tre meeting transnazionali ospitati dall’Istituto Omnicomprensivo di Guglionesi. Altri due si terranno nei mesi di maggio e di ottobre 2018 e coinvolgeranno anche altre nazioni, quali Portogallo, Belgio e Repubblica Ceca.

La scuola, infatti, ha superato la selezione, e quindi ricevuto i finanziamenti dalla Comunità Europea, per ben tre programmi Erasmus+, tutti per l’azione KA2-Partenariati strategici, che prevede lo scambio di docenti e studenti di tutti i Paesi coinvolti.
I programmi Erasmus+ costituiscono una importante opportunità formativa offerta dall’Europa.

 

Per gli studenti, che acquisiscono consapevolezza interculturale e intraculturale, esercitano le capacità comunicative in lingua straniera e in ambienti multimediali, sviluppano abilità di analisi e risoluzione di problemi, migliorano le abilità sociali.

Per i docenti, che si confrontano e scambiano con i colleghi degli altri paesi europei i metodi e le pratiche didattiche, migliorando le capacità organizzative, il coordinamento degli studenti e delle attività.

Per la scuola, per la quale rappresentano un’occasione importante di crescita a livello progettuale e gestionale, di miglioramento e motivazione delle risorse umane, di coinvolgimento della comunità locale in un orizzonte europeo.

Questo primo progetto coinvolge gli studenti su un tema importantissimo nel mondo attuale, quello degli stereotipi e delle conseguenze che essi comportano. Gli obiettivi sono:

  • aumentare la consapevolezza sui rischi causati appunto dagli stereotipi,
  • migliorare il know-how sui metodi per affrontarli,
  • sviluppare la tolleranza e l’empatia,
  • combattere l’incitamento all’odio,
  • promuovere il coinvolgimento attivo degli studenti nella vita sociale.

Tutto questo sarà raggiunto attraverso un lavoro condiviso, in presenza e a distanza, tra ragazzi che vivono in nazioni diverse, ma che si confronteranno e condivideranno riflessioni e soluzioni su un comune problema.

Le attività, nei due anni di vita del progetto, saranno tantissime:

-apertura di forum di discussione,

-produzione di materiali informativi e divulgativi,

-registrazioni video, giochi di ruolo, attività interattive,

-mostre negli angoli Erasmus+, produzione di poesie e prose per sensibilizzare in merito ai pericoli e all'ingiustizia degli stereotipi e del comportamento discriminante.

Le strategie di comunicazione, quelle offerte dalla rete e dalle nuove tecnologie: sito web, gruppi Facebook e WathsApp del progetto, sessioni Skype, portale eTwinning per i gemellaggi elettronici. Ma anche “faccia a faccia” durante gli scambi ed i meeting transnazionali.

Lunedì 16 aprile, dalle ore 9, presso la sala consiliare del Comune di Guglionesi, si terrà la cerimonia inaugurale del progetto.
Interverranno Bartolomeo Antonacci Sindaco di Guglionesi, Angela Costantini dello Sportello Eurodesk ed Ufficio Europa del Comune di Termoli, Carmela Basile dell’Ufficio Europe Direct della Provincia di Campobasso, Luca Scatena della Caritas Termoli-Larino, il parroco di Guglionesi don Gianfranco Lalli, i coordinatori di tutte le scuole europee coinvolte nel progetto.

Un grazie particolare va alla coordinatrice prof.ssa Lesley June Fearn, ma anche a tutti gli altri docenti che hanno profuso un grande impegno per la realizzazione del progetto.
Un ringraziamento anche agli Enti, alle Associazioni e alle ONG che hanno costituito una rete con la scuola. E infine agli studenti e alle famiglie ospitanti, con l’augurio che questa esperienza possa lasciare in loro un segno indelebile.